Minicompattatore e compattatore a piatto d'espulsione

Costipatore o Compattatore: questo è il problema!

Condividi

Se sia più nobile d’animo compattare, o costipare i rifiuti… Ora che ho scomodato Shakespeare voglio fare un’analisi di questi due sistemi e spiegarti in maniera definitiva quali sono le caratteristiche e le principali differenze.

Minicompattatore e compattatore a piatto d'espulsione

Purtroppo si tende a fare molta confusione tra le parole, non esiste una terminologia specifica e univoca. Ognuno usa i termini un po’ come gli conviene e questo non fa che aumentare la confusione.

Voglio quindi spiegarti meglio le differenze tra costipatore e compattatore e farti capire le caratteristiche dei due sistemi. Potrai avere così gli strumenti per decidere qual è la soluzione migliore per le tue esigenze.

La prima sostanziale distinzione è questa:

  • COMPATTATORE –> COMPRIME
  • COSTIPATORE –> AMMASSA

Piccolo Accenno Storico

Il costipatore è nato attorno agli anni ’80 per un’esigenza ben precisa:

riuscire a distribuire meglio i rifiuti raccolti nella vasca.

Come spiego in questo articolo (https://blog.rossioleodinamica.com/cera-una-volta/) la vasca trapezoidale, era già nata da qualche anno.

Da pochissimo si era passati dalle prime vasche da 2 o 3 mc montate sui motocarri, alle vasche un po’ più grandi (5 mc) montate sui Daily.

Era nato anche il voltacassonetti, visto che proprio in quel periodo erano nati i primi cassonetti per la raccolta dei rifiuti.

Ma questo portava un’altro problema.

I rifiuti, una volta scaricati dentro la vasca rimanevano tutti nella parte posteriore. In pratica la vasca non si riempiva del tutto ed era difficile da sfruttare al massimo.

Da subito si capì che bisognava muovere questi rifiuti e così, dopo qualche infruttuoso tentativo, si arrivò all’attuale sistema. Una pala che sposta il rifiuto nella parte anteriore della vasca, lasciando posto per i nuovi cassonetti da scaricare.

Questo in pratica portava alla nascita del primo mini-compattatore della storia, brevetto anche questo del nostro Lazzaro Rossi (ma questo te lo racconterò un’altra volta).

Quindi?

Ma quindi qual è la differenza tra i costipatori (o compattatori a vasca) e i compattatori (a piatto di espulsione)?

La sostanziale differenza è che i primi sono delle vasche con una pala che si muove orizzontalmente e smuove semplicemente i rifiuti.

I compattatori a piatto d’espulsione invece, sono dei cassoni chiusi dove la pala si muove diagonalmente, spingendo contro un piatto che si muove orizzontalmente. In pratica man mano che carichi è come se riducessi il volume del cassone, riducendo di conseguenza il volume dei rifiuti.

Differenze

Partiamo prima di tutto dal rapporto di compattazione. Ormai se ne vedono di tutti i colori. Rapporti di compattazione stratosferici con numeri molte volte messi a caso. Ma la verità è solo una.

Con i costipatori, il rapporto di compattazione massima raggiungibile è 1:3 o poco di più.

Infatti per raggiungere un rapporto di 1:3 basta poco. Togliendo semplicemente l’aria tra i rifiuti si arriva tranquillamente a dimezzarne il volume, mentre facendo un po’ di lavoro con la pala si raggiunge tranquillamente 1:3.

Alla Rossi Oleodinamica siamo arrivati in realtà anche a 1:4, aumentando la potenza della pala di compattazione e aggiungendo una seconda pala per aiutare l’espulsione dei rifiuti. Ma te lo spiego meglio in questo articolo:

https://blog.rossioleodinamica.com/difficolta-di-scarico/

Per avere compressioni più alte l’unico modo è con il piatto di contro-spinta che va a comprimere la massa di rifiuti contro la pala. Quindi con un compattatore a piatto di espulsione.

Ma allora, se i compattatori hanno un rapporto più alto, non sarebbe meglio usare solo quelli?

Chiaramente NO!

Ogni sistema ha i suoi pregi e i suoi difetti.

Le dimensioni contano

Prima di tutto è una questione di dimensioni.

I compattatori non possono essere montati su veicoli troppo piccoli. Il limite minimo sono camion che superano i 35 quintali, con volumi di carico di circa 8 mc.

Se quindi hai la necessità di servirti di veicoli più piccoli, che non superano i 35 quintali, dovrai per forza orientarti su mini-compattatori da 5 mc.

In realtà ci sono anche stati esperimenti su vasche da 3 mc, ma non hanno avuto tanto successo… per adesso…

Non tutto può essere compresso

Inoltre determinati tipi di rifiuti non necessitano di essere compressi e addirittura sarebbe controproducente.

Il rifiuto organico è uno di questi.

Essendo molto liquido, una volta compresso, l’unica cosa che otterrai sarà una vera e propria spremuta di monnezza. Con il relativo liquido che si insinuerà in tutte le guide e non riuscirà ad essere contenuto dal cassone che, per sua natura, non può essere completamente a tenuta stagna.

Un altro rifiuto problematico è il vetro che, se compresso e quindi rotto, andrà ad infilarsi tra le guide e le guarnizioni del piatto d’espulsione rovinandolo. Inoltre non è molto utile compattarlo.

Per queste due tipologie di rifiuto, il compattatore a vasca (e quindi il costipatore) è la soluzione ideale. Basta infatti semplicemente smuoverlo e ammucchiarlo un po’ senza per forza doverlo comprimere molto. Inoltre la completa tenuta stagna della vasca non farà disperdere tutto il liquido a terra.

Per tutti gli altri rifiuti invece (plastica, carta, indifferenziato) la soluzione migliore per comprimerli è usare un compattatore a piatto d’espulsione. Che permette di caricare molti più rifiuti e ridurne notevolmente il volume.

Chiaramente dimensioni dei veicoli permettendo.

 

COSTIPATORE  COMPATTATORE
 smuove i rifiuti  comprime i rifiuti
 max 3:1  oltre 1:4
 tutti i tipi di veicoli  oltre i 35 quintali
 da 5 a 13 mc  oltre 8 mc
organico e vetro  plastica, carta e indifferenziato

 

Conclusioni

Come sempre alla fine la soluzione migliore in assoluto non esiste.

Tutto dipende dalle tue esigenze, da quali sono le tue necessità e dalla tipologia di lavoro che dovrai svolgere.

Anche qui il mio consiglio è di affidarti a dei professionisti, a persone che sono nel settore da anni e che da anni cercano di innovare e migliorare tutti questi sistemi.

Se ancora non sai a chi rivolgerti ti consiglio di contattarci, sapremo lavorare per risolvere le tue problematiche e le tue necessità.

Alla prossima

Rock&Roll

Andrea

 

 

 

Andrea Rossi

Andrea Rossi

Responsabile Marketing at Rossi Oleodinamica S.r.l.
Perito meccanico e appassionato di comunicazione e marketing. Sono nel settore metalmeccanico da circa vent'anni. Anche se per otto ho navigato per altre acque. Sono rientrato con una visione nuova di questo settore e voglio aiutarti a fare le scelte migliori per i tuoi acquisti, dandoti informazioni utili che possano aiutarti a far crescere il tuo business.
________________________________________________________________________
Mechanic expert and student of communication and marketing. I've worked in the mechanical sector for around twenty years. Even if for eight of them I've been looking for new pastures. I'm back with a new vision for this sector, and I want to help you to make better decisions for your purchases by giving you useful information that can help you grow your business. How to collect a complicated but valuable form of waste. How to collect a complicated but valuable form of waste.
Andrea Rossi
Condividi

Lascia un commento